/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Cronaca | venerdì 01 dicembre 2017, 15:07

Area parcheggio De Andrè ripulita dai volontari di protezione civile

Nella giornata di sabato 25/11 si sono concluse le attività iniziate qualche settimana fa all’Associazione di Protezione Civile Città di Asti, consistenti nella   pulizia delle aree a verde del parcheggio De Andrè, particolarmente frequentato dai cittadini e dagli studenti dell’università.

Sono infatti presenti vecchi fabbricati, in precedenza utilizzati quali residenze per i sottufficiali dell’esercito, che presentavano pertinenze degradate sia per la presenza di rifiuti sia per la frequentazione da parte di persone che le utilizzavano come ricoveri notturni.

Sono state inoltre rimossi giacigli, resti di involucri contenenti avanzi di cibo, bottiglie di plastica, mobilio.

Sono inoltre state abbattute piante di ailanto, una pianta esotica infestante, la cui introduzione ha avuto effetti negativi, divenendo una seria minaccia per l’ambiente e, di conseguenza, anche per l’uomo.

Per queste tipologie di piante la Regione chiede di  applicare misure di contenimento e interventi di eradicazione da aree circoscritte, motivo per cui la Protezione Civile ha provveduto al taglio degli esemplari presenti anche nel giardino del fabbricato occupato dagli uffici dell’Agenzia del Territorio.

Vivo ringraziamento da parte dell’Assessore all’Ambiente Marcello Coppo all’Associazione di Protezione Civile composta da numerosi volontari, che dedicano il tempo libero ad interventi di recupero dell’ambiente.

Il loro prezioso lavoro ha permesso di riportare il decoro in un’area dove era evidente il degrado.

Recentemente - spiega l’Assessore Marcello Coppo – questi volontari sono stati impegnati in un intervento di rimozione di un grosso quantitativo di pneumatici abbandonati sulle riva del Versa. Purtroppo questi episodi di inciviltà continuano a deturpare il nostro territorio”.

Il Sindaco Maurizio Rasero si unisce nel ringraziamento ricordando che appena possibile si dovrà ancora intervenire, sempre nell’area dell’università, alfine di rimuovere la vegetazione che sborda dai muri e dai fabbricati nelle adiacenti via Arò e via Bocca.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore