/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Attualità | lunedì 04 dicembre 2017, 11:43

Piemonte: una regione sempre più digitalizzata

La digitalizzazione della cartella sanitaria verrà completata in tre anni

È il Piemonte una delle regioni più digitalizzate in Italia. Essendo un obiettivo molto importante, fa piacere scoprire  che alcune zone italiane sono così avanti in questa operazione: vista la situazione italiana risalente a pochi anni fa, è davvero interessante notare quanti passi in avanti siano stati compiuti verso questa direzione. Soprattutto nella regione piemontese: qui la digitalizzazione della cartella sanitaria verrà completata in tre anni. I voucher erogati dal MiSE, invece, sono pronti per finanziare e attivare il processo di digitalizzazione delle imprese in regione. Si tratta di una serie di tessere che, insieme, stanno andando a comporre un mosaico forse unico nel nostro Paese: un mosaico tecnologico e digitale, sempre più all’avanguardia.

 

Digitalizzazione in Piemonte: un segnale dal settore sanitario

Entro tre anni, i cittadini piemontesi potranno contare su un libretto sanitario elettronico completo al 100%. Questo vuol dire che chiunque potrà accedere alla propria cartella clinica attraverso il web, sfruttando un servizio digitale apposito: così facendo, l’operazione verrà resa più intelligente e anche più economica. Ad esempio, la possibilità di accedere alla propria cartella consentirà di risparmiare sugli esami già effettuati. Stando all’assessore Antonio Saitta, già dal prossimo anno ci si augura di poter contare su una ingente mole di informazioni sanitarie dematerializzate in digitale: ad esempio i referti delle lastre e delle radiografie, insieme ai referti anatomici e ambulatoriali. Inoltre, la digitalizzazione del libretto sanitario verrà accompagnata da altre iniziative virtuose, come i buoni elettronici per chi soffre di celiachia.

Digitale e aziende: arrivano i finanziamenti del MiSE

Sono stati finalmente resi disponibili i bandi per accedere ai voucher IT erogati dal Ministero dello Sviluppo Economico: i suddetti finanziamenti sono rivolti alle aziende che hanno come obiettivo la digitalizzazione. Questi voucher saranno pari a massimo 10mila euro per impresa, e copriranno le spese derivanti da questa operazione. I finanziamenti del MiSE vengono anche accompagnati dalle strategie di provider come Linkem, le cui offerte internet per il business sono specificatamente rivolte alle aziende che intendono digitalizzarsi. Anche la dotazione e l’installazione delle connessioni web è una spesa coperta dai voucher del MiSE.

 

Unioncamere: la necessità di digitalizzarsi

 

Secondo le rilevazioni di Unioncamere, in Piemonte emerge la necessità di digitalizzarsi. Da un lato la produzione industriale ha registrato un interessante +3,4% quest’anno, dall’altro la digitalizzazione delle imprese scarseggia. Dunque questa percentuale, visti i vantaggi del digitale, poteva essere ben più ampia: ecco perché è stata la stessa Unioncamere a porre l’accento sulla necessità – per le aziende – di correre incontro alla digitalizzazione. È una questione non solo di analisi dei dati, ma anche di investimenti: secondo le stime, infatti, il 70% delle imprese piemontesi non ha intenzione di investire nella digitalizzazione. Questo naturalmente mette a rischio la competitività del settore economico in Piemonte, in termini nazionali e internazionali.

 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore