/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Eventi | lunedì 11 dicembre 2017, 17:56

Il presepe in piazza San Secondo

Una piazza San Secondo in miniatura protagonista del Presepe allestito nell’androne del Municipio, con le statuine tradizionali a rappresentare gli artigiani astigiani che portano in dono  i prodotti tipici del territorio,  l’Asti… il tartufo, la polenta, i gianduja, i tajarin. Non manca nulla. Anche la statuetta del  primo cittadino e la piazza  affollata, il Capitano del Palio, gli Alpini, i  Carabinieri. E c’è Gelindo, il pastore contadino tipico della tradizione presepistica astigiana,  che il promotore dell’iniziativa Mauro Imbrenda donò nel 2013 a Papa Francesco e che ora tiene a dire “sono molto contento di questa collaborazione con l’Amministrazione comunale, realizzata affidandosi all’esperienza e alla tradizione dei Presepi di San Martino che sono espressione del riuscito connubio tra tradizione napoletana ed astigiana”. Con la statuina raffigurante Eduardo Filippo e  il Gobbo portafortuna anche… i dipendenti comunali.

Il Sindaco Maurizio Rasero e l’Assessore alle manifestazioni Elisa Pietragalla Invitano tutti i cittadini a visitare l’androne del Municipio per ammirare questa creazione di espressione artigiana.

E nel ringraziare della disponibilità e collaborazione degli organizzatori, prof. Lamarca Salvatore, i signori Beppe Maroni e Mauro Imbrenda,  per l’idea di installare un presepe raffigurante la città  e i suoi personaggi,  condividono la fiducia che “questo presepe cittadino sia la dimostrazione di voler mantenere le nostre tradizioni, vive per poterle tramandare, insegnare e condividere con tutti i nostri concittadini, soprattutto i più piccolini!”.

L’originale Presepe è stato inaugurato nell’androne di Palazzo Civico  con scenografia a cura del Professor Salvatore Lamarca e del Signor Beppe Maroni. Le statue sono state offerte dai “Presepi di San Martino”, e dalla collezione di Mauro Imbrenda fatta realizzare dagli artigiani napoletani di via San Gregorio Armeno.

c.s.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore