Settembre 24, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Apre in Italia il Museo dedicato al celebre regista Federico Fellini

Di Mercedes Arduino Liser

Rimini, 19 agosto (EFE).- Un museo dedicato a Federico Fellini è stato finalmente inaugurato giovedì nella città natale del famoso regista e sceneggiatore italiano e nella sua città natale, Rimini, e ha ispirato alcuni dei suoi film più acclamati. Compresi “Amarcard” e “I Vitelloni”.

La neonata società dispone di numerosi spazi interattivi che rendono omaggio alla vita e al lavoro, ai sogni e alla realtà di una delle figure più importanti del cinema.

L’inaugurazione giovedì dell’edificio principale del museo è una testimonianza del fatto che “se sogni puoi”, ha detto il sindaco di Rimini Andrea Knazi a un gruppo di giornalisti stranieri, riferendosi a un progetto che ha intrapreso da quando è arrivata in municipio una decina di anni fa .

Fellini (1920-1993) è cresciuto nella storica città di quella città sulla costa adriatica e ha giocato con i suoi amici nei pressi di Castell Sismondo, che fu la residenza della famiglia più potente di Rimini nel Medioevo e fu in seguito imprigionato da un regista.

Abbandonato da molti anni, l’edificio ha ripreso vita come sede principale del nuovo museo e disporrà di diverse installazioni ad alta velocità che permetteranno alle persone di diventare “osservatori” (gioco di parole spettatore e spettatore).

Il pubblico va dietro il grande schermo e si immerge in un mondo onirico che Fellini avrebbe potuto disegnare.

Nebbia d’inverno sulla spiaggia di Rimini con personaggi iconici di Fellini, Marcello Marcello Roubini de “La Dolce Vita” e Guido Alcelmi del suo “8 1/2” e colonne sonore di Nino Rota Fantastic Room Conversation Argumentative to the Fellini Movie “Prova D’Arga” Alcune esperienze.

Offrendo un’esplorazione approfondita, fantasiosa e divertente di tutti i soggetti di Fellini, il materiale audiovisivo completo del museo fornisce contenuti sufficienti per giustificare una visita di sei ore a un fan accanito.

READ  La spagnola Glovo valuta l'appello dopo che il regolatore italiano ha riscontrato violazioni del lavoro di Futinho

Non tutte le informazioni riguardano i migliori film del regista italiano, e infatti la sua collezione di documentari d’archivio mostra che Fellini è incomparabile nella sua capacità di ritrarre la vita italiana nel 20 ° secolo.

Dall’età di sei anni, quando si sedette sulle ginocchia di suo padre e guardò il film di Guido Brignon del 1925 “Macy’s All Inferno” al Cinema Fulcore di Rimoni, Fellini voleva vedere la sua ultima vita nel cinema.

In seguito, al giovane Federico, valente fumettista e pittore, fu concesso di vedere gratuitamente dei film in cambio del disegno di caricature di attori per scopi pubblicitari del proprietario del teatro.

La seconda parte del museo, situata sopra il cinema fullcore e aperta al pubblico a ottobre, offrirà un’esperienza più tradizionale ai visitatori del museo.

L’epidemia ha ritardato il completamento del progetto museale, inizialmente lanciato nel 2020 nell’ambito delle celebrazioni per commemorare il centesimo compleanno del famoso regista.

Roma è innegabilmente un museo e la casa adottiva di Fellini, una lettera d’amore alla sua città eterna “La Dolce Vita”.

Ma Fellini tornava sempre a Rimini e al suo grand hotel, dove la danza elegante della cultura popolare e il carattere erotico e glamour di “Amarcard” erano associati a Kritiska.

“Rimini è una dimensione della mia memoria”, direbbe il regista, quindi non vuole davvero ritrarla, ma piuttosto attraverso il filtraggio dei suoi ricordi. EFE

moli / mc