Dicembre 7, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Esclusivo: l’Italia presenterà una denuncia formale per l’acquisizione da parte della Cina di droni militari

Di Giuseppe Fonte e Angelo Amante

ROMA (Reuters) – L’Italia ritiene che agli investitori cinesi avrebbe dovuto essere chiesto di approvare l’acquisto di una società di droni militari, e tre fonti affermano che potrebbe emettere un reclamo che potrebbe far fallire l’accordo se non arrivasse una spiegazione soddisfacente.

Roma ha avviato un’indagine ad agosto sulla vendita di una quota del 75% nella Alpi Aviation, con sede nel nord Italia, nel 2018 per vedere se l’operazione avrebbe dovuto essere annunciata ai sensi dei cosiddetti Golden Power Regulations per asset strategicamente significativi.

Questo accordo mostra quanto sia facile per i cambiamenti nella proprietà aziendale passare sotto il radar in un momento in cui la pressione sta aumentando negli Stati Uniti e in Europa per monitorare i rischi per la sicurezza nazionale da parte degli investitori cinesi.

China Corporate United Investment Holdings e CRRC Capital Holdings sono gruppi cinesi coinvolti nell’acquisizione di una catena di veicoli di investimento controllati dal comitato esecutivo della Wuxi Luan Economic Development Zone e da SASAC.

La richiesta di feedback inviata a queste società non ha ricevuto risposta al di fuori dell’orario di lavoro, mentre l’ufficio del Primo Ministro italiano Mario Draghi ha rifiutato di commentare.

Alpi Aviation non è stata immediatamente disponibile per un commento. I suoi avvocati hanno precedentemente affermato che la società ha rispettato tutti i termini della vendita.

Tre fonti direttamente coinvolte nel caso hanno affermato che dopo un’indagine approfondita, il governo si appresta a inviare una diffida per chiedere chiarimenti a tutte le parti coinvolte.

Le autorità italiane stanno “prestando più attenzione” alla questione, ha aggiunto uno di loro.

READ  ITA inizia la vendita dei biglietti per i voli Italia-USA

Il caso è venuto alla luce a settembre, quando la Guardia di Finanza italiana ha svelato un’indagine su un contratto che avrebbe violato le norme relative alla vendita di materiale militare, con sei persone indagate.

La polizia all’epoca disse che l’accordo era un investimento predatorio in tecnologia.

Una quarta fonte è che gli investitori cinesi hanno pagato quasi 6 milioni di euro (6,8 milioni di dollari) per il 75% delle azioni.

ROM può imporre multe, nel qual caso la vendita non sarà valida.

Da extra UE, dic. Fino a 31 su base temporanea: il governo ha poteri anti-acquisizione speciali per proteggere le risorse strategiche dai comitati dell’UE.

L’Italia ha usato quattro volte le sue potenze auree dal 2012 per contrastare gli interessi stranieri nel paese. Tre di questi hanno portato alle aste cinesi e due a nove mesi dall’insediamento del governo a Traga.

Drake ha posto il veto alla vendita di un produttore di semi di ortaggi al gruppo di proprietà cinese Syngenta il mese scorso e ad aprile la società cinese Shenzhen Invenland Holdings Co. Ltd. ha impedito l’acquisizione di una partecipazione di controllo in una società che produce apparecchiature per semiconduttori.

(1$ = 0,8797 euro)

(Relazione di Giuseppe Fonde e Angelo Amanda; Relazione aggiuntiva di Emilio Barodi a Milano; Direttore Mark Potter)