Ottobre 19, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Fab 5. Siamo Made in Italy”: evento di apertura della Milano Fashion Week

Made in Italian style, siamo andati in scena, diversi e inclusivi, mai visti prima Milano Fashion Week. Cinque donne, cinque talenti della moda italiana da cinque paesi: Cuba, Haiti, Togo, India, Marocco Fab Five – Siamo fatti in Italia.

Quattro designer BITOC, Sheetal Shaw, Naini Reich Congo, Romy Calzado Zelda, Genevieve Hashim e Judith Saint Germain, hanno lanciato quest’anno la Milano Fashion Week per conto di quattro diversi continenti.

L’evento si è svolto il 22 settembre tramite una passerella virtuale intitolata “Video”.Fab Five, non siamo una moda”, (Fab Five, We Are Not Just a Trend) Creato dallo scrittore e regista italo-angolano della serie Netflix Antonio Dickel de Stefano Zero. Il video, che è stato proiettato al Museo Permanente di Milano, è stato curato da Edward Enniful, caporedattore di British Vogue e direttore editoriale europeo di Vogue, che continua a lavorare come scout e accaparratore di talenti inimmaginabili. Diversità, inclusione e uguaglianza.

Fab Five – Siamo fatti in Italia È uno dei tanti progetti intrapresi dal Gruppo WAMI, fondato dai designer Stella Jean (unico membro nero di Camera della Mota Italia) e Edward Buchanan e Michael Francine Enconmo, fondatore dell’Afro Fashion Association. L’organizzazione senza scopo di lucro è stata costituita nel 2015.

Per la prima volta nella storia della civiltà italiana Per Fab Dà voce ai talenti dei BIPOC (Black Indigenous People) che non hanno possibilità di ottenere un reale sostegno dai grandi brand italiani, risultando così invisibili nel mondo del Made in Italy. Quando su scala globale, nel suo background Le vite dei neri contano Il movimento, qualcosa è cambiato, molti creatori sono ben accolti in altri paesi, c’è ancora molto da fare in Italia.

READ  Spagna e Italia sono imbattute nelle semifinali di Euro 2020

Wami nasce con un obiettivo preciso: lavorare per un riconoscimento genuino del contributo che PIPOC può dare alla moda creativa, in contrasto con ogni forma di razzismo, non solo teorico e inclusivo. Grazie all’attività di scout condotta da molti anni da Michael Francine Enjanmo, ci ha permesso di creare un vero e proprio database di talenti afro-discendenti. Siamo fatti in Italia In breve, la risposta alla domanda sollevata da molti designer neri: la vita da nero è importante nello stile italiano?