Settembre 24, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Idrogeno verde per la ferrovia appenninica in Italia, Ucraina, Estonia, Canada – pv Press International

Ebertola, una società energetica spagnola, guiderà un consorzio che prevede di trasformare l’asse ferroviario Apex nel centro Italia in idrogeno verde. La compagnia energetica ucraina NJSC Naftogaz ha dichiarato di voler produrre idrogeno verde con un partner tedesco e che il porto di Tallinn in Estonia vuole diventare un hub dell’idrogeno.

Il gigante energetico spagnolo Ibertola SALMO ha stipulato un accordo con l’ingegnere multinazionale statunitense AECOM, il consulente ambientale italiano Ancitel Energia e Ambiente e la società italiana di idrogeno verde Zinc International per la conversione dell’idrogeno verde dell’ascia ferroviaria appenninica italiana, con Salmona. All’Aquila. “Questo percorso è utilizzato dai treni diesel, che in qualche modo non hanno elettricità e hanno raggiunto la fine della loro vita utile”, ha detto oggi Ibertola. [will] Portare innovazione e crescita in aree soggette a popolazione e industrializzazione. Il progetto si concentrerà sui treni elettrici alimentati a idrogeno per incoraggiare gli investimenti nelle aree colpite dai terremoti del 2009, 2016 e 2017.

Compagnia energetica ucraina NJSC Naftogaz E commerciante di energia tedesco Fornitura e commercio RWE Accettato di esplorare la cooperazione nell’industria dell’idrogeno verde e derivati ​​come l’ammoniaca prodotta in Ucraina. “Ciò include la produzione e lo stoccaggio di idrogeno verde e ammoniaca in Ucraina e le sue importazioni in Germania”, ha affermato domenica la RWE in una nota. “Questo focus è particolarmente pertinente nel contesto dell’iniziativa H2Global avviata dal governo tedesco per l’importazione di idrogeno verde prodotto al di fuori dell’UE”. Naftogaz e RWE intendono esplorare opportunità commerciali per vendere idrogeno verde ucraino in Europa. “L’Ucraina ha un grande potenziale per la crescita dell’economia dell’idrogeno con la cooperazione della Germania”, ha affermato Yuri Vitrenko, CEO di Naphthokas. In qualità di azienda nazionale, Naftocus è pronta a essere un pilastro di questa crescita. Consideriamo l’idrogeno verde come la nostra priorità strategica e siamo lieti di lavorare con il nostro fidato partner RWE per il commercio e la fornitura di gas naturale.

READ  Settembre in Sardegna - Cinque gioielli luccicanti da trovare nella preziosa isola d'Italia

Porto di Tallinn L’Estonia vuole essere il fulcro delle infrastrutture verdi nel Mar Baltico e scommette sull’ambiente dell’energia verde nei parchi industriali del porto di Muga e del porto meridionale di Baltiski. “Il piano per costruire un terminal per l’idrogeno sarà interessante per le industrie che non producono energia, ma vogliono partecipare alla Rivoluzione verde e ricostruire la loro produzione”, ha detto lunedì Marcus Vihman, chief commercial officer del porto. “Stiamo sviluppando un’interessante proposta di valore per gli investitori locali e internazionali”. Il porto di Tallinn riceverà il sostegno dell’UE quando collaborerà con attori dell’idrogeno come i Paesi Bassi e il porto di Amburgo.

Stato del Canada British Columbia (BC) ha proposto una strategia per l’idrogeno in 63 punti per creare hub regionali dell’idrogeno in cui la produzione e la domanda coesistono. Il progetto si concentra sull’assistenza finanziaria, in particolare per la ricerca, e sulla forma blu del gas naturale prodotto da mezzi di trasporto pesanti alimentati a idrogeno verde e dalla tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio. “A differenza di altre giurisdizioni, la BC ha le risorse per produrre idrogeno sia verde che blu a bassa intensità di carbonio”, afferma il documento strategico. “Più del 98% dell’elettricità di BC è rinnovabile, il che ci consente di produrre idrogeno verde mediante elettrolisi della nostra elettricità pulita.

Dipartimento anglo-australiano dei metalli e delle miniere Rio Tinto E la Federazione giapponese Sumitomo Corporation È stata annunciata una partnership per costruire un impianto pilota di idrogeno presso l’ex raffineria di Yarrow Alumina a Gladstone, nel Queensland, in Australia e per esplorare l’uso dell’idrogeno nella raffineria. “Ridurre l’intensità di carbonio della nostra produzione di allumina è la chiave per raggiungere i nostri obiettivi climatici per il 2030 e il 2050”, ha affermato oggi Kelly Parker, CEO di Rio Tinto Australia. “C’è ancora molto lavoro da fare, ma partnership e progetti come questo sono una parte importante per arrivarci”. Il minatore ha affermato che la partnership completa lo studio di fattibilità recentemente annunciato sull’uso dell’idrogeno per convertire il gas naturale per la raffinazione dell’allumina a Yaroun. “Il porto in acque profonde di livello mondiale di Gladstone, la protezione industriale attraverso la diga di Aunga, la conservazione dell’acqua e l’area di sviluppo dello stato locale, hanno reso Gladstone la capitale dell’idrogeno dell’Australia”, ha affermato Glenn Butcher, ministro dello sviluppo regionale e dell’acqua del Queensland.

READ  L'Italia amplia le misure di controllo per i viaggiatori dal Brasile

Sviluppatore tedesco di celle a combustibile a idrogeno Motore a protoni La linea di produzione automatizzata è affiliata con il produttore Haman Espandere la produzione in serie di celle a combustibile a idrogeno. I cosiddetti “robot di scorta” dovrebbero espandere la capacità produttiva a 2.500 unità di celle a combustibile all’anno, hanno affermato le società in una nota di ieri. “In un sistema di motori a protoni, gli strati della piastra del dipolo di grafite sono incorporati centralmente in un blocco”. Secondo l’accordo, il prototipo del motore Aumann Fit-4-AMandA sarà convertito in un impianto di produzione automatica di strati di celle a combustibile.

Azienda rinnovabile indiana Squadra ACME L’Oman ha firmato un accordo fondiario per costruire uno dei più grandi progetti di ammoniaca verde al mondo nella Zona Economica Speciale nel porto di Duqm. L’accordo è stato firmato con un funzionario del governo dell’Oman, è stato annunciato ieri. Il fondatore e presidente di ACME Manoj Upadhyay ha dichiarato: “Abbiamo in programma di iniziare la costruzione in Oman non appena lanceremo il nostro primo impianto di idrogeno verde e ammoniaca verde a Bikaner, in India”. [the] Alla fine del 2022. “L’Oman ha concordato a marzo di sviluppare un impianto su larga scala per la produzione di idrogeno e ammoniaca rinnovabili nella Zona Economica Speciale (SEZ) a Dukm (Datweer) e ACME. Sarà. [tons per day] Ammoniaca verde, prodotta annualmente[imately] 0,9 milioni di tonnellate “, hanno affermato i partner del progetto. “Questa è la prima struttura di queste dimensioni ad essere operativa entro il 2022. La struttura è costruita per esportare ammoniaca verde verso centri di domanda come Europa e Asia.[imately] $ 3,5 miliardi. “