Settembre 24, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cane era vivo 30 ore dopo il crollo di un edificio in Italia e la morte di un bambino di quattro anni Mondo | Notizia

Martedì, un edificio a due piani è crollato nella periferia nord di Torino, in Italia. Un bambino di quattro anni è stato trovato morto tra le macerie dai vigili del fuoco, ma un cane è stato trovato vivo dopo lo schianto.

Circa 30 ore dopo il crollo dell’edificio, è emerso un cucciolo di nome Ettore.

Il cane è stato adottato da una delle famiglie che vivono nell’edificio e giovedì i vigili del fuoco hanno estratto il cucciolo dalle macerie.

Il cane sembrava essere in buona salute ed è stato affidato a un veterinario.

La squadra dei vigili del fuoco di Urban Search and Rescue (USAR) crede che il cane sia stata l’ultima creatura a scomparire dopo il crollo degli edifici.

Altri quattro sono stati evacuati vivi dalle macerie e portati in ospedale.

Uno di loro era un uomo di 22 anni che è stato sepolto sulla scena e ha riportato ustioni al 50 per cento sul corpo.

Anche una donna di 34 anni è stata trovata priva di sensi e ha riportato traumi e ferite di gravità sconosciuta, così come un uomo rimasto intrappolato sotto le macerie per più di due ore.

Non perdere

I vigili del fuoco hanno suggerito che una fuga di gas potrebbe aver portato all’esplosione, ma questo non è stato ancora confermato.

Italcas, azienda italiana del gas, ha affermato che non è possibile.

Hanno detto: “La proprietà non era fornita dalla rete di approvvigionamento di metano della città.

“La parte più vicina della rete cittadina è a 150 metri dal sito dell’eruzione”.

Pertanto, la società ha escluso che “qualsiasi fuga di gas possa aver avuto origine dalla rete di approvvigionamento del gas della città”.

Rapporto aggiuntivo di Maria Ortega