Dicembre 7, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino si amplia con VR

A vent’anni dalla sua nascita, il Museo Nazionale del Cinema di Torino sta uscendo dalla realtà virtuale, cercando di aumentare il suo ruolo di calamita per gli appassionati di cinema di tutto il mondo e di stimolo per l’industria cinematografica locale.

Il La venerabile Sala del Cinema, situata nella cupola della Torre Mole Antoneliana, il principale punto di riferimento della città settentrionale, è stata a lungo conosciuta come un tesoro di cimeli cinematografici, comprese le luci magiche pre-cinema. e Sciarpa rossa e lettere di Federico Fellini Così come il suo elegante punto culminante in vetro, che porta ad una vista spettacolare su Torino e sulle Alpi nel circostante territorio piemontese.

Come azienda, il Museo di Torino funge anche da organizzazione principale dietro i tre festival: Torino Film Festival, che è il principale evento di cinema indipendente italiano; Ambienti cinematografici a tema ecologico; E il Lovers Film Festival, il primo festival europeo dedicato ai film LGBTQ+, che si distinguono a livello internazionale.

Il museo ospita il Three Screen Cinema Massimo Theatre, un laboratorio di restauro cinematografico, e ha una mano nel TorinoFilmLab, un archivio leader che supporta i talenti globali con molteplici progetti.

Torino è la patria di alcuni dei più grandi viali, risotto al tartufo e vino barolo che ospiteranno l’Eurovision Song Contest 2022. Primo blockbuster italiano, 1914 ha creato l’epopea romana “Gabriea”. Gli Honchos locali stanno spingendo da tempo affinché la città acquisisca lo status di centro di produzione cinematografica, soprattutto dopo il trasferimento internazionale della casa automobilistica Fiat, che un tempo è diventata la capitale automatizzata della nazione.

Abbiamo un ecosistema complesso che comprende il museo, i nostri festival, il Torino Filmlape e la Torino Film Commission”, ha affermato Dominico de Guidano, direttore del museo.

READ  Adriano Baldasar porta nella Capitale il sapore dell'Italia

De Gaetano osserva che dalla riapertura del museo dopo l’attentato al Covit-19, l’accordo di Popcaster RAI con la RAI ha accelerato gli sforzi per ammodernarlo aggiungendo due sale di proiezione VR che forniscono al programmatore titoli/esperienze visive con gli stessi criteri utilizzati dai film teatri. La troupe del cinema paga al museo una nuova tariffa fissa per la realtà virtuale ogni due settimane.

“Siamo l’unico museo del cinema al mondo a programmare titoli VR senza fallo”, afferma de Guidano. Trasferito dal Lido a Torino per restrizioni governative.

Durante l’epidemia, nel giugno 2020, per celebrare il 20° anniversario del museo, de Caidano ha iniziato le proiezioni di video-mapping ad alta tecnologia, tra cui immagini fisse e clip di icone di film. Una raccolta dei migliori baci della storia del cinema, che risplende su ogni lato della Kupola del museo.

Quest’estate ha scelto il famoso coreografo Luca Tomasini, che ha lavorato con Madonna, per una stravaganza di video mapping, dove la vera e propria “danza verticale” acrobatica dal vivo in cima alla torre è stata integrata con le previsioni di iconiche immagini fisse. Video maker Donato Sanson, tratto dal titolo “Red Cars” David Kronenberg L’art book dei materiali per il film, che prende il nome dal regista canadese, non è mai stato prodotto.

Sono in corso piani per rendere omaggio alle “macchine rosse” prodotte dal Museo Torino di Gronenberg, ha affermato de Kadano, che saranno illuminate da proiettori ad alta tecnologia in quattro edifici in Flor Street nel centro di Toronto durante il Toronto Film Festival del prossimo anno.

READ  Ryanair lancia 11 nuove rotte nel Regno Unito per l'inverno, tra cui Italia, Spagna e Francia

Enzo Kiko, presidente della società, che è l’ex governatore della regione Piemonte, afferma che ci sono grandi progetti per rinnovare e trasformare il museo del cinema attingendo ai fondi dell’UE all’indomani dell’epidemia. L’obiettivo finale è portare il Tempio del cinema di Torino e l’ambiente dell’industria cinematografica a un livello superiore.