Dicembre 6, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il panorama azzurro che esponeva le sfide delle piccole compagnie aeree italiane si sta sgretolando

Caro lettore, ecco la sfida per te: nominare l’attuale compagnia aerea italiana non ITA.

Bene, se non sei stato effettivamente coinvolto in viaggi aerei italiani, non sai nulla. Non è niente; Non è rimasto molto nell’aviazione italiana dopo l’epidemia che ha distrutto il settore.

Questa settimana, Blue Panorama (anche Luke Air), di proprietà del Gruppo UVET, la più grande rete di agenzie di viaggio italiana, ha annunciato all’Ente per l’aviazione civile italiana (ENAC) che sospenderà le sue attività commerciali.

La mossa è stata prima annunciata da diversi sindacati locali e poi confermata dall’ENAC Newsletter sulla sua homepage. La sospensione è stata richiesta dalla compagnia aerea, ha detto il controllore.

Il 22 ottobre l’ENAC ha dichiarato che il COA di Blue Panorama – abbreviato in italiano Attestato di Operatore Aereo – e la sua licenza di esercizio aereo erano “associati alla richiesta di chiarimento delle carenze finanziarie riscontrate nella compagnia”.

L’ENAC sospende quindi le licenze di entrambi gli aeromobili.

Secondo il sito web Agenzia di viaggiAnche Blue Panorama, azienda specializzata nel turismo italiano, ha dichiarato bancarotta al tribunale di Milano, con l’intenzione di “tutelare il patrimonio e la continuità dell’azienda”.

Blue Panorama sostiene inoltre che è stato sospeso a causa della mancanza di sostegno di liquidità da parte del governo italiano. Prima dell’epidemia, il governo italiano aveva diviso 130 milioni di euro per tre compagnie aeree private più piccole, Air Dolomiti, Blue Panorama e Nios, ma finora il denaro non è stato trasferito ai vettori.

La compagnia aerea è passata lentamente al marchio Luke Air – due Airbus A330 erano già in nuovi colori – ma, dall’inizio dell’epidemia, le sue dimensioni sono state molto più ridotte; Quest’estate è stato operato raramente.

READ  Le associazioni rinnovabili chiedono un'azione forte per risolvere i problemi in Italia

Dei dodici aerei assegnati da Planespotters.net alla Blue Panorama Navy – due A330-200, un Boeing 737-300, un 737-400 e otto 737-800 – solo tre sono stati operati la scorsa settimana; Un A330 e due 737-800, secondo i dati Registrato da FlightRadar24.

Navy Panes del Blue Panorama la scorsa settimana.

Di questi, solo l’aereo A330 9H-RTU ha operato con il codice BV. Altri, 9H-CRI e 9H-GFP, operavano voli turistici dalla Polonia con il codice AMQ assegnato all’operatore charter locale AMC Aviation.

Anche se questo caso può sembrare isolato, mostra uno schema nell’industria aeronautica italiana: sempre più il mercato si sta spostando verso il campo dei grandi player.

Questa settimana, jet pronto con sede in Bulgaria, ma a In pratica La compagnia aerea italiana, insieme agli investitori siciliani, ha abbandonato la sua Continuità regionale L’accordo (Proseguimento Regionale) prevede sussidi per le strade che collegano Tropani in Sicilia ad Ancona, Perugia e Trieste in terraferma.

La compagnia aerea incolpa la mancanza di passeggeri per la partenza quasi due anni fa.

Ciò significa che la compagnia aerea non opererà più voli regolari; Tayran Jet ha tentato diverse rotte con due 737-300 dalla Sicilia quest’estate, nessuna delle quali ha avuto successo.

Uno dei jet pronti 737-300. Foto: Jet pronto

“Fatta eccezione per alcuni passeggeri ad agosto, far decollare un Boeing 737-300 è stata una perdita di tempo”, ha dichiarato in un post su Facebook Gianfranco Cincotta, manager di Tyrone Jet per l’Italia.

“Il governo italiano e l’Ue stanno bruciando soldi non rimborsabili, non per la regione o la compagnia aerea, ma a beneficio esclusivo dell’aeroporto. [management] Aziende. In questo modo non può procedere. Dopo gli effetti dell’infezione, il CContinuità regionale I posti selezionati nella malattia pre-governativa non sono più economicamente sostenibili.

READ  Come sono andato in Italia per indossare abiti colorati mi ha aiutato

Un altro piccolo vettore italiano in difficoltà è Ego Airways. La compagnia aerea, che quest’anno ha lanciato i suoi aerei con un solo Embraer 190, prevede di lanciare due tipi di velivoli, ma il primo, I-EGOA, è attualmente in manutenzione a Napoli e il secondo non è ancora disponibile. È giunto.

Gli unici aerei attualmente operanti da Borli per Catania e Palermo sono in realtà venduti e gestiti da Lumwings.

EGO prevede – e in tal caso la vendita di aeromobili – di collegare Forlì e Parma con diverse città italiane, con propri aeromobili a partire dal 1° dicembre.

Previsto il network di EGO Airways a dicembre.

Altri piccoli vettori in Italia sono l’Air Dolomiti, che è di proprietà del Gruppo Lufthansa e quindi ha un buon supporto; Nios, che è un importante operatore charter; Fly Lyon, varato un mese fa da Pescara con un Beach P1900; E Sky Alps, l’unico operatore dell’aeroporto di Bolzano, lancia quest’anno i voli con il Q400.

Gli inverni deboli possono essere un’altra sfida per queste compagnie aeree.