Settembre 24, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ‘Super Taster’ che ha perso l’olfatto aiuta gli italiani a ritrovarlo

Piacenza, Italia – Il palato di Michael Grippa è famoso nei circoli gastronomici italiani per la sua capacità di apprezzare i sapori più sottili.

Insegnò a diversi chef a distinguere tra parmigiano di diverse stagionature e latte preso a diverse altezze. Gli piaceva il profumo di lettino affumicato sulle pigne. Nelle sue recensioni per la rinomata rivista di cucina italiana, ha sentito il profumo di champagne sui chicchi di caffè Naraguan crudo e ha assaggiato i piselli verdi mescolati dal Kenya.

Quindi, il 17 marzo 2020 alle 9:40, il sig. Grippa, 32 anni, si è versato una tazza di caffè. Assaggiò solo l’acqua calda.

Come molti infetti dal virus corona, il signor Grippa ha perso la capacità di annusare – inerente alla degustazione del cibo – e quando è tornato, si è piegato di nuovo.

Il latte avariato aveva un buon sapore. Le dolci foglie di vaniglia evocavano disgusto. La pesca sapeva di basilico.

Un esperto che una volta descrisse la brezza marina e il terreno vulcanico che si trovano nei chip di vino bianco siciliano ora può fare un po’ di meglio che dire “freddo”.

Recentemente questa mattina, il sig. Grippa, 32 anni, è apparso davanti a un gruppo di italiani colpiti in modo simile nella città di Piacenza, nel nord Italia.

Si sono riuniti in un laboratorio universitario dotato di aspiratori per rimuovere dall’aria gli odori in eccesso, luogo frequentemente utilizzato dagli intenditori professionisti per valutare l’aspetto e la qualità di oli di oliva, miscele di caffè, briciole e cioccolatini.

Ma il gruppo voleva assaggiare di nuovo qualcosa e si è rivolto al signor Krippa per chiedere aiuto.

“Non dobbiamo arrenderci”, ha detto loro.

Sig. Krippa non si arrese e la sua diligenza fu ripagata, almeno in una certa misura.

Si è allenato di nuovo per diversi mesi con l’aiuto di analisti di sensibilità che hanno formato enologi e tartufai. Sebbene creda che dovrà fare molta strada per riacquistare le sue precedenti capacità olfattive, è emerso come un simbolo della resilienza gastronomica in Italia e nella speranza che possa trascendere gli effetti duraturi del Covit-19.

READ  L'Italia non parteciperà all'Eurovision Junior 2021

A coloro che hanno condiviso lo “stesso colpo di scena”, Mr. Mentre Grippa si riferisce alla sua malattia, ha organizzato un trattamento con l’aiuto del Center for Taste Research, un team di professori di scienze dell’alimentazione che credono che il senso dell’olfatto sia collegato. Per l’ipotalamo, il cervello svolge un ruolo importante nel controllo delle emozioni.

Come molti Medici di tutto il mondo, Chi consiglia ora Allenamento a casaSig. Grippa e i suoi collaboratori pensano che ricordare la memoria associata a un odore possa aiutare a riattivare i percorsi neurologici interrotti dal virus.

Hanno iniziato a trascorrere ore in sessioni di formazione online, pubblicando tutorial e fornendo consigli e suggerimenti personalizzati. I programmi radiofonici e televisivi nazionali hanno invitato il sig. Krippa come ospite e le riviste gli hanno chiesto di condividere la sua guida in 10 punti per ripristinare l’olfatto e il gusto. Sta sviluppando un ricettario per le persone che hanno perso il senso del gusto o che sono state tragicamente trasformate da un virus.

Le sue dichiarazioni di riabilitazione Diffuso su tutti i giornali italianiHa ricevuto messaggi da centinaia di persone che avevano perso il loro profumo, tra cui un patetico pasticcere e un sommelier depresso in un ristorante a tre stelle Michelin.

“Leggere questa notizia mi ha spezzato in due”, ha detto Grippa.

Come molti lavoratori dell’industria alimentare che hanno perso l’olfatto, inizialmente era riluttante ad attirare l’attenzione. “Non è piacevole esprimermi come un gastronomo inodore”, ha detto, aggiungendo che sebbene fosse preoccupato per la sua reputazione e carriera, “c’è un grande bisogno di aiutare queste persone”.

Mentre la sua salute e i suoi sforzi per aiutare gli altri sono ormai ben noti, ha detto che quando ha prenotato un tavolo gli chef che hanno riconosciuto il suo nome lo hanno sorpreso con piatti dedicati al gusto forte nella speranza che potesse assaggiare qualcosa.

READ  Il calcio arriva alla Roma? I tifosi dell'Italia si scontrano a Wembley | Euro 2020

Fu un lieve disgusto quello che per primo aggiunse il signor Grippa alla dieta.

È cresciuto mangiando pasta normale e mozzarella da supermercato, e suo padre, un falegname e sua madre, la preside della scuola, hanno lavorato a lungo e hanno mostrato scarso interesse per il cibo. Quando aveva 7 anni sulla spiaggia, ha ricordato in bocca un pomodoro giallo Tatarino, sale dall’acqua di mare e una miscela di acido, sale e dolce, ha ricordato, aprendo i suoi sensi a un nuovo universo pieno di sapori. .

Ha iniziato a friggere e preparare torte per la sua famiglia. All’età di 8 anni, ha provato 15 volte, senza successo, a fare il souffl al cocco. Invece di poster di giocatori di football, le pareti della sua stanza erano adornate con ritagli di giornali che classificavano i migliori chef italiani.

All’età di 14 anni, il signor Grippa conobbe Luciano Donna, celebrato come il maestro dei migliori chef, che fu il suo mentore e trovò lavoro come assistente ai fornelli di famosi ristoranti. All’età di 22 anni è stato il direttore del ristorante Antica Corte Pallavicina nel nord Italia, guadagnandosi la sua prima stella Michelin.

Dopo la laurea in scienze gastronomiche presso Università di Slow Food, Ha iniziato una carriera come consulente, critico e storico culinario.

“Ero un super assaggiatore”, ha detto. “Qui è dove sei nato.”

Fino a quando il virus corona non lo rimuove.

“Ti siedi a un tavolo con i tuoi amici e mangi un piatto di spaghetti al pomodoro, non ha sapore”, ha detto Grippa. “Quel piatto di spaghetti di cartone secco, stanco, piatto, sottile è emotivamente debilitante.”

Quando anche una parte dei suoi sentimenti perduti è tornata a settembre – per la prima volta da mesi, ha sentito un po’ di cocco nel suo gel doccia – ha pianto così tanto.

READ  Olimpiadi: Covit-19 Gambling Benefit Italia Tokyo Sports Medal Famosa

Parte della sua missione non è solo aiutare le persone a ritrovare il senso del gusto, ma anche sostenere le persone che ha creato.

“Quando è successo a me”, mi sono sentito completamente solo. “

Per aiutare ulteriormente coloro che lo contattano, il sig. Grippa comunica spesso con la neuroscienziata Arianna de Stadio, che sta curando i pazienti all’Ospedale San Giovanni di Roma, che aiuta i pazienti a ritrovare l’olfatto.

Il dott. de Stadio ha affermato che l’approccio gastronomico del signor Grippa alla perdita di odori è tutt’altro che garantito. Ma prestare maggiore attenzione al problema può solo aiutare, ha aggiunto.

“Sono uno scienziato”, ha detto il dottor de Stadio. “Ha un modo semplice di comunicare.”

Il comitato di firma per le sue sessioni di formazione era il sig. Si diceva che il supporto fornito da Krippa fosse una parte importante dell’esperienza

“Trovare Michael mi ha fatto sentire al sicuro e capito”, ha detto Martina Madachi, 22 anni, che ha perso l’olfatto dopo essere stata infettata dal virus un anno fa in un laboratorio. Bergamo, una delle città più colpite al mondo. Ora stava lottando per annusare il succo di mandorle in una bottiglia che le era stata messa sotto il naso.

Sig. Krippa si è inginocchiata vicino alla signora Madachi e le ha chiesto di ricordare il gusto, la consistenza e l’aroma delle noci. Lei non poteva. Ma poi le diede una bottiglia di menta e le trasmise i ricordi della notte d’estate.

“Virgin Mojido”, la signora Madachchi ha ricordato il profumo di menta della bevanda. “Io non l’avrei mai riconosciuto.”

Sig. Grippa ha detto che questi piccoli momenti di successo aumentano la sua determinazione ad aiutare gli altri a ritrovare ciò che amano di più.

“Hai idea di quanto mi mancano i sapori del barolo?”