Settembre 24, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il veterinario americano tornò in Italia nel 1944 per salutare l’ultimo ‘Pampini’ visto

Ma il sig. Anche Inserti, sig. Non aveva mai incontrato Adler di persona e la sera prima era così eccitato che non riusciva a dormire – “Tre ore, più o meno”, ha detto.

Nelle due settimane successive il sig. Signor Adler. Sta per partecipare a diversi eventi per il libro di Inserti perché sta partecipando a un tour nostalgico.

Andrà a Monterrey dove ha incontrato per la prima volta i bambini e prenderà le chiavi del villaggio. È in programma una visita Museo della Linea Gotica Toscana, Un’ora a nord di Firenze, si reca all’ospedale napoletano tre mesi dopo essere stato ferito nel 1945. Sempre a Roma, farà il giro della principale sinagoga che visitò nel 1944 e dovrebbe incontrare il sindaco, Virginia Rocky.

“Non avrei mai pensato che sarei tornato a vedere i bambini”, ha detto. Adler ha detto lunedì in una confusa conferenza stampa di ricordare gli orrori della guerra.

“Ma la democrazia è buona, ha vinto la guerra”, ha detto. “Eravamo tutti Francia, Inghilterra, Italia, America – ci siamo innamorati tutti”.

Giuliana Nalti ha versato qualche lacrima.

“Si muove molto”, ha detto, tenendo strategicamente un fazzoletto in mano.

Giuliana è la più piccola di tre, ma quando i soldati arrivano a metà ottobre 1944 ha un ricordo molto vivido di sua madre che avverte i suoi figli di nascondersi. Si nascosero in una culla, ricordò.

READ  "Super Mario" conserva l'eredità fascista di Mussolini mentre l'Italia finalmente intraprende sforzi di riforma