Settembre 16, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: molti paesi del G20 vogliono ancora obiettivi climatici di emergenza G20 Paesi Bassi Giappone Russia scienziati

Venerdì, durante una riunione del gruppo di 20 membri in Italia, diversi ministri del clima e dell’energia hanno concordato di muoversi verso obiettivi più ambiziosi nella lotta ai cambiamenti climatici rispetto a quelli stabiliti negli accordi di Parigi del 2015.

Il ministro italiano per il cambiamento ambientale Roberto Cingolini ha dichiarato in una conferenza stampa che i membri del G-20 erano preoccupati per le catastrofiche inondazioni della scorsa settimana in Germania, Belgio e Paesi Bassi durante i due giorni di colloqui a Napoli, Germania e Unione Europea.

“Tutti hanno iniziato offrendo le condoglianze ai rappresentanti dei paesi colpiti”, ha detto Singolani. Ha detto che tali disastri naturali “cambiano la coscienza” anche a livello politico.

Gli scienziati del clima affermano che il legame tra condizioni meteorologiche estreme e riscaldamento globale non è chiaro, il che rende chiaro che è necessaria un’azione urgente. I paesi del G-20 rappresentano l’80% del PIL mondiale e il 60% della popolazione del pianeta.

Durante i colloqui di Napoli, Singolani ha affermato che Stati Uniti, Unione Europea, Giappone e Canada “vogliono andare più velocemente del decennio (e) 1,5 gradi al di sotto dell’accordo di Parigi”.

I leader mondiali hanno concordato sei anni fa di aumentare le temperature globali a Parigi di oltre 2 gradi Celsius (3,6 gradi Fahrenheit) e non più di 1,5 gradi C (2,7 F) entro la fine del secolo. Gli scienziati affermano che i due obiettivi potrebbero essere mancati con un ampio margine se non vengono prese misure drastiche per ridurre le emissioni.

“Quel mezzo grado potrebbe fare un’enorme differenza in termini di scioglimento dei ghiacciai” e altri eventi legati al cambiamento climatico, ha detto Singolani.

READ  Le banche italiane devono consolidare almeno tre big player

Tuttavia, Singolani ha affermato che tutti i membri del G-20 hanno concordato di raggiungere almeno gli obiettivi di Parigi. “Non c’è paese che sia scettico sugli accordi di Parigi”, ha detto.

L’ambasciatore per il clima del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, John Kerry, ha partecipato ai colloqui di Napoli. All’inizio della settimana, Kerry ha invitato la Cina ad unirsi agli Stati Uniti per tagliare frettolosamente i gas serra.

La maggior parte dei paesi presenti alla conferenza ha sostenuto l’obiettivo in rapida evoluzione di ridurre l’uso del carbone, ha affermato il ministro italiano, senza nominare tutti i paesi.

Ma durante i colloqui, Singolani ha affermato che Cina, Russia e India sono state “molto prudenti” nel perseguire obiettivi più ambiziosi.

“Per quei paesi, questo è mettere in discussione un modello economico”, ha detto.

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite in Scozia a novembre. Alla Conferenza sul clima, i paesi mostreranno il loro impegno nella lotta ai cambiamenti climatici, comprese le nazioni più inquinanti.

Quando i leader nazionali dei Paesi del G20 si incontreranno a Roma alla fine di ottobre, avranno l’opportunità di sgombrare il campo dai punti critici apparsi a Napoli.