Ottobre 19, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia si rifiuta di riconoscere il governo talebano in Afghanistan

Il FM italiano sta esortando i governi stranieri a prevenire un collasso finanziario, che potrebbe portare a un grande afflusso.

Il ministro degli Esteri italiano Luigi de Mayo ha affermato che non riconoscerà il governo talebano in Afghanistan, ma ha affermato che gli afgani dovrebbero iniziare a ricevere aiuti finanziari congelati dopo che il gruppo armato è salito al potere il mese scorso.

Ha esortato i governi stranieri a prevenire un collasso finanziario lì.

“È impossibile riconoscere il governo talebano perché ci sono 17 terroristi tra i ministri e i diritti umani di donne e ragazze continuano a essere violati”, ha detto domenica De Mayo alla televisione di stato Roy 3.

“Chiaramente, dobbiamo prevenire l’esplosione in Afghanistan e lo sfollamento incontrollato che potrebbe destabilizzare i nostri vicini”, de Mayo, che ha presieduto una riunione dei ministri degli esteri del G20 a New York la scorsa settimana.

Ci sono modi per garantire aiuti finanziari senza pagare i talebani. Abbiamo anche convenuto che una parte degli aiuti umanitari dovrebbe sempre andare alla sicurezza delle donne e delle ragazze.

L’Italia detiene il presidente annuale a rotazione del G20 e vuole tenere un vertice speciale in Afghanistan.

Il G20 è impegnato a collaborare con i vicini dell’Afghanistan per combattere il terrorismo e proteggere i diritti umani.

Venerdì, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato di aver concesso due licenze pubbliche, una al governo degli Stati Uniti, alcune a organizzazioni internazionali, tra cui ONG e Nazioni Unite, i talebani o la rete Haqqani, entrambe necessarie per fornire assistenza umanitaria.

I talebani hanno preso il controllo del paese il mese scorso quando le forze straniere alleate degli Stati Uniti si sono ritirate dall’Afghanistan dopo 20 anni di guerra. La cattura della capitale, Kabul, è culminata il 15 agosto, due decenni dopo che i talebani erano stati cacciati da una campagna guidata dagli Stati Uniti in seguito agli attacchi dell’11 settembre contro gli Stati Uniti.

READ  Ha piovuto più di mezzo metro in Italia in mezza giornata, una cosa mai vista prima in Europa

All’inizio dell’anno, le Nazioni Unite hanno affermato che oltre 18 milioni di persone – più della metà della popolazione dell’Afghanistan – avevano bisogno di aiuto durante la seconda siccità del paese.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato la scorsa settimana che l’Afghanistan è “sull’orlo di una drammatica catastrofe umanitaria” e ha deciso di unirsi ai talebani per aiutare la popolazione del paese.