Dicembre 7, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’italiano Draghi è il terzo veto sull’acquisizione cinese quest’anno

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha risposto dopo aver parlato in una conferenza stampa a conclusione del vertice del G20 a Roma, in Italia, il 31 ottobre 2021. REUTERS / Yara Nardi

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

  • Tracy vuole proteggere gli asset strategici dalle acquisizioni estere
  • Le prove suggeriscono che l’ordine di veto è stato emesso per danni all’industria dei semiconduttori
  • L’Italia è pronta a estendere un rigido regime anti-acquisizione fino alla metà del 2022

ROMA, 23 nov (Reuters) – Martedì il primo ministro italiano Mario Draghi ha posto il veto alla dichiarazione ufficiale del gruppo di Hong Kong che ha posto il veto alla terza acquisizione cinese del paese da quando il suo governo si è insediato a febbraio.

Zhejiang Jingsheng meccanico (300316.SZ) Roma ha bloccato un tentativo di costituire una joint venture con Applied Materials Hong Kong. (AMAT.O) Acquista il business delle attrezzature per la stampa serigrafica del gruppo statunitense in Italia.

La decisione è stata presa in una riunione di gabinetto il 18 novembre, hanno riferito a Reuters due fonti governative, mentre il ministro dell’Industria Giancarlo Giorgette ha raccomandato un veto, sostenendo che l’acquisizione potrebbe avere implicazioni per il settore strategico dei semiconduttori.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

I prodotti Applied Materials includono macchine utilizzate per fabbricare semiconduttori e altri componenti ad alta tecnologia.

La joint venture mira a rilevare il business delle apparecchiature per wafer di Applied Materials a Singapore e le sue attività in Cina.

L’Italia si riserva il diritto di utilizzare la sua cosiddetta legge anti-acquisizione o i cosiddetti “poteri d’oro” per prevenire aste indesiderate in settori strategicamente importanti come quello bancario, energetico, delle telecomunicazioni e della sanità.

READ  "Fab 5. Siamo Made in Italy": evento di apertura della Milano Fashion Week

Il governo sta esplorando un gran numero di contratti per apparecchiature di connessione e distribuzione, che nella maggior parte dei casi saranno raccomandati con l’obiettivo di salvaguardare l’interesse nazionale del Paese.

Roma ha sospeso gli interessi stranieri in Italia cinque volte da quando sono state introdotte le potenze auree nel 2012.

Questi quattro episodi hanno rotto l’asta cinese. Tre erano sotto il governo di nove mesi di Tracy e l’altro è stato adottato nel 2020 sotto il predecessore di Tracy, Giuseppe Conte.

Drake ha posto il veto alla vendita di un produttore di semi di ortaggi al gruppo di proprietà cinese Syngenta il mese scorso e ad aprile la società cinese Shenzhen Invenland Holdings Co. Ltd. ha impedito l’acquisizione di una partecipazione di controllo in una società che produce apparecchiature per semiconduttori.

Come primo passo per annullare l’accordo, l’azienda italiana che produce droni ad alta tecnologia per le forze armate si è formalmente lamentata con gli investitori cinesi che non sarà rilasciata nel 2018. Per saperne di più

Le cosiddette “potenze d’oro” cercheranno anche di acquistare gruppi non comunitari – che scadranno quest’anno nell’ambito di un quadro temporaneo introdotto nel 2020 – società strategiche di tiratori dell’UE.

Fonti affermano che Roma prevede di estendere la regola provvisoria di sei mesi fino al 30 giugno 2022. Ciò include costringere UE e non UE a chiedere l’approvazione del governo per acquistare almeno una quota del 10% in società strategiche.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

Giuseppe Fonde a Roma e All Cao Reports a Pechino di Gavin Jones e Mark Potter Editing

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Le speranze dell'Irlanda per la Coppa del Mondo sono riemerse dopo che i francobolli delle prestazioni dell'artista Paypin Parsons hanno battuto l'Italia