Dicembre 7, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Paul Cosco ricorda il momento “orribile” in cui si è ucciso con 8.000 fan in vacanza in Italia

Paul Casco ha riflettuto su un “momento spaventoso” quando è tornato in Italia per una vacanza dopo il suo incantesimo con la Lazio: 8.000 tifosi si sono precipitati a vederlo mentre era in zona.

Il famoso centrocampista è stato una celebrità durante il suo periodo di tre anni a Roma e ha deciso di tornare in patria cinque anni dopo aver lasciato il club – andando in un tranquillo viaggio in montagna – ma il suo viaggio da sobrio è diventato rapidamente qualsiasi cosa dopo essersi schiantato contro un fan.

parla BT Sport Per la serie What I Wear, Gascoigne ha ricordato di essere stato “viziato” dai tifosi, ma i tifosi della Lazio lo hanno elogiato per essere sempre tornato indietro quando era nella capitale italiana e gli hanno dato un grande benvenuto quando ha firmato dal Tottenham nel 1992.

Paul Cescain ricorda di essere stato affollato da 8.000 fan in Italia al ritorno dalle vacanze

Casco è diventato una celebrità con Laskio per tre anni dal 1992 al 1995

Casco è diventato una celebrità con Laskio per tre anni dal 1992 al 1995

C’erano 10.000 all’aeroporto [when he first joined], È molto teso! ‘ Egli ha detto.

‘Ti abitui a cose del genere. I fan sono stati fantastici cantando il mio nome. Ricorda il passato [to Italy] Una volta ho lasciato quel posto e sono venuta in vacanza cinque anni dopo, un po’ seccata. Sono andato in montagna.

C’era un albergo, e un tizio che lo possedeva entrò e disse: “Sei Casco!” Ho detto: “No, non lo sono”. Ho visto la mia foto dietro di lui e ho fatto “O ****”. Lo vedo al telefono, poi 40 minuti dopo sono arrivate 8.000 persone e ho dovuto chiamare le guardie di sicurezza, quindi è stato così spaventoso.

READ  Adriano Baldasar porta nella Capitale il sapore dell'Italia

Il 54enne è diventato un nome popolare nel calcio grazie al suo sport e al suo entusiasmo ai Mondiali del 1990 in Italia, Inghilterra, e quando è arrivato ha firmato per la massima serie italiana.

Il celebre centrocampista ha lasciato la Lazio per una vacanza in montagna cinque anni dopo

Il celebre centrocampista ha lasciato la Lazio per una vacanza in montagna cinque anni dopo

Ha ammesso di essere stato educato dalle migliori stelle quando era in Italia, soprattutto contro il Milan

Ha ammesso di essere stato educato dalle migliori stelle quando era in Italia, soprattutto contro il Milan

Ma quando la Lazio ha segnato, stava scherzando mentre riceveva “un tocco” in una partita, che è stata un enorme shock quando è arrivata contro alcuni dei migliori giocatori del Troy, tra cui Paulo Maldini, Franco Parezi e Marco van Boston.

“Quando ho giocato contro il Milan, ho detto: ‘Beh, dimostrerò loro quanto sono bravo'”, ha aggiunto. [Ruud] gola, [Franck] Rijkord, von Boston, Paresi, Malini. Penso di aver ricevuto un tocco in 90 minuti! Distrutto 5-0. Sono straordinari.

‘Inter, Juventus, hanno lottato con noi. Ma il Milan aveva tanta paura. Possono pulire tutto. I ricordi contro di loro erano buoni.

Giocherà un totale di 47 partite per la Lazio, segnando sei volte prima di raggiungere la mossa dei Rangers nel 1995.

“Cassa” ha creato un nuovo entusiasmante capitolo segnando 39 gol in 104 partite a Glasgow, e rimane un’altra grande partita da quando ha giocato a Euro 1996.

L'ex stella dell'Inghilterra ha giocato 47 volte con la Roma ed è stato elogiato dai tifosi per il suo sostegno

L’ex stella dell’Inghilterra ha giocato 47 volte con la Roma ed è stato elogiato dai tifosi per il suo sostegno

Tutto sarebbe finito con il crepacuore dell’Inghilterra – ancora una volta penalizzata – ma Casco ha potuto godersi un momento di prodezza personale nelle fasi a squadre quando il suo magnifico gol contro la Scozia si è concluso con una vittoria per 2-0 a Wembley.

Strike sarà sempre ricordato per la sua iconica celebrazione della “sedia da dentista”, ma come colpì Colin Henry di Scozia nel bambù, colpì la palla in testa e colpì la rete. Gascoigne ha detto che era ancora in contatto con Henry mentre ricordava l’incontro a Londra.

L’ho visto a Londra e mi ha detto: “Gaza, cosa ci fai a Londra, pensavo che vivessi a Bournemouth?”

Ho detto: “Cosa stai facendo a Londra – pensavo di averti lasciato a Wembley?” Ogni volta che lo vedo dice: “Non parlarne Gaja”. Ma sì, l’ho distrutto, povero ragazzo. L’ho distrutto. ‘

L’ultimo episodio della serie “What I Wear” di BT Sports, con Paul Gascoin, è ora disponibile per la visione sul canale YouTube di BT Sport. Per maggiori informazioni su BT Sport, vai su www.bt.com/sport