Ottobre 19, 2021

AstiNotizie.it

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uragano Italia: due morti nell’uragano Pantelleria

Almeno due persone sono morte venerdì sera in un uragano “apocalittico” sull’isola siciliana di Pantelleria.

Altre nove persone sono state identificate ferite nella zona di Campobello dell’isola vulcanica, anche se questi numeri sono ancora temporanei e le ricerche sono in corso.

Critiche le condizioni di 4 feriti.

I vigili del fuoco hanno dichiarato su Twitter che l’uragano ha colpito alle 19:00 di venerdì sera, con i pali della luce sradicati, i tetti danneggiati e la caduta di alberi.

Ho parlato con il quotidiano italiano RepubblicaIl paramedico senza nome ha definito il disastro una “scena veramente apocalittica”.

“Al momento ci sono due morti confermate, ma la ricerca continua e confermiamo che sono dispersi”, ha detto il paramedico. “L’uragano è arrivato dal mare e in pochi secondi ha fatto a pezzi le case e le auto che viaggiavano sulla strada costiera”.

L’agenzia di stampa locale ANSA ha riferito che tra le vittime un vigile del fuoco e un uomo di 86 anni.

Secondo l’agenzia di stampa, due persone sono rimaste uccise quando una decina di auto si sono ribaltate e sono state scaraventate dai rispettivi veicoli.

Una vittima è atterrata sulla parete inferiore e l’altra sul pavimento.

Le immagini pubblicate online mostrano un’auto completamente capovolta e un’altra coperta di macerie.

Molti edifici sono stati danneggiati.

Il sindaco di Pandelleria Vincenzo Vittorio ha dichiarato a Combo Sky Digi24 TV che attualmente non si vede nessuno sull’isola.

Gli uragani non sono comuni in Europa. Dopo aver visto il clima più intenso in Sicilia il mese scorso, l’isola ha resistito a una temperatura di 48,8 °C, la temperatura più alta mai registrata in Europa.

READ  Olimpiadi: l'Italia Coxless 4 vince il bronzo nonostante i fumetti britannici - English

L’area è stata inghiottita da continui incendi, che hanno distrutto case e attività commerciali.

All’epoca, i vigili del fuoco hanno spento 500 incendi durante la notte in Sicilia e Calabria, affermando che avevano bisogno di cinque aerei e 3.000 vigili del fuoco per contenere l’incendio.